L’Uomo Puma (1980)

L'uomo puma di Alberto De Martino

Titolo originaleL’Uomo Puma
Paese di Produzione: Italia
Anno di uscita1980
Durata96′
RegiaAlberto De Martino
Sceneggiatura: Luigi Angelo, Massimo De Rita
MusicheRenato Serio
InterpretiWalter George Alton, Miguel Angel Fuentes, Donald Pleasence, Sydne Rome, Silvano Tranquilli
The Pumaman (1980) on IMDb

 

 

Italia, 1979.

Alberto De Martino, regista di film di genere con una buona carriera alle spalle, ripone sulla scrivania il libro che stava leggendo, Gli extraterrestri hanno inventato l’uomo? di Erich von Däniken. Non è il primo libro di questo scrittore che legge.
«Questa è proprio roba forte. Un giorno magari ci farò un film.», pensa.
Ma ora è tempo di andare. I cinema di tutt’Italia sono invasi dal nuovo film di Richard Donner, Superman. In Italia non si parla d’altro, tutti a sognare il costume con la S davanti e a imitare il gesto del volo di Christhopher Reeve.
De Martino per motivi di cultura professionale vuole vedere il film, ma gli americani fondamentalmente gli stanno proprio sui coglioni.

Facile fare i film così, pieni di soldi da spendere in effetti speciali e bravi attori.
Se sono così bravi che vengano loro a fare un film con un budget totale più piccolo di quello che normalmente spendono in un giorno per i pasti. Che ci provino loro a cercare di trasformare una mignotta caricata sulla statale in una stella del Cinema.
Uscito dalla sala, De Martino è tutto un fremito. Non ci sta dentro.
Ha capito finalmente come dare una svolta alla sua carriera, sta per creare il suo capolavoro.
Unirà quello che sta leggendo con quello che ha appena visto. Il suo eroe non sarà un alieno, per non rischiare una denuncia per plagio. Sarà l’incrocio di un uomo con un animale a caso, tipo un puma, anche se i puma non volano… chi se ne frega! In America lo chiameranno The Puma Man.
Sarà pieno di attori stranieri, di scazzottate e di effetti speciali. Sarà il capostipite della fantascienza italiana, sarà un successo.

L'uomo puma di Alberto De Martino
“Una antica leggenda azteca narra che nella notte dei tempi un Dio bianco venuto dalle stelle scese sulla Terra e fu padre del primo Uomo Puma”

Come potete intuire da queste deliranti parole di introduzione, il film fu un clamoroso fiasco.
De Martino venne mandato affanculo da mezzo pianeta, fu costretto a dirigere sotto lo pseudonimo di Martin Herbert i suoi successivi film. Non bastò neanche la presenza del grande Donald Pleasance, uno che ha lavorato con Carpenter e Altman. Il mondo non capì.
Lo stesso Pleasance dirà in seguito che L’Uomo Puma è il peggiore film che abbia mai fatto, nonostante sia stato coinvolto in tante altre vaccate, come ad esempio I predatori dell’anno Omega o Paganini Horror.
In effetti il film è difficilmente difendibile. La trama è molto fantasiosa, ma con giusto qualche buchetto.
Il crudele Kobras riesce a governare i più potenti uomini del pianeta ipnotizzandoli con l’aiuto di una maschera azteca. C’è solo una persona che può fermare il crudele despota: l’Uomo Puma, figlio del Dio bianco.
Sarà compito del granitico sacerdote azteco Vadinho trovare il salvatore dell’umanità, scaraventando giù dai palazzi persone a caso finchè una eviterà di spiaccicarsi al suolo grazie al potere del volo, tipico di tutti gli uomini puma. A quel punto basterà consegnare al prescelto la cintura che conferisce i super poteri, usandoli poi per sconfiggere le forze del male.

L'uomo puma di Alberto De Martino - Il volo
“Sei il peggiore che ho mai visto, ma sei l’Uomo Puma”

Sarebbe ingiusto però soffermarsi solo sulla trama. Il film ha tanti altri aspetti che il vero amante dell’autopunizione gradisce e pretende. Le scene di volo sono entusiasmanti, con il protagonista appiccicato su uno sfondo con cui non interagisce minimamente. Il motivetto ricorrente del film fa già sorridere di suo, ma diventa esilarante quando viene usato come accompagnamento a scene semi serie che richiederebbero una musica più sobria. Impossibile poi non citare la lotta fra l’Uomo Puma e un modellino di elicottero, che per la nostra gioia vedremo anche esplodere grazie a un petardo. Mi resta solo da aggiungere che il film è interamente visionabile su youtube qui:L'uomo puma di Alberto De Martino - Guarda il film

Correte a vederlo, non vi deluderà!

Un pensiero su “L’Uomo Puma (1980)

  1. Pingback: Ciao marziano (1980) | Nuovo Cinema Lebowski

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.