Oscar 2015 per il miglior montaggio

Miglior montaggio

 Nomination

 Joel Cox e Gary D. RoachAmerican Sniper
Sandra AdairBoyhood
Barney PillingThe Grand Budapest Hotel
William GoldenbergThe Imitation Game
Tom CrossWhiplash

I film candidati per la categoria miglior montaggio sono tutti in lizza anche per il premio più ambito, quello del miglior film, aspetto che rende la contesa molto incerta.

Tutti i 5 film in nomination basano una considerevole della loro riuscita su un montaggio azzeccato, da quello più serrato di alcune scene in American Sniper e Whiplash a quello dai ritmi più compassati di The Grand Budapest Hotel e The Imitation Game, passando per quello di Boyhood, che ha dovuto amalgamare al meglio materiale distribuito su un arco temporale di ben 12 anni.
Stupisce l’assenza fra i nominati di Birdman, in cui è stato utilizzato un montaggio di altissima precisione, per dare l’impressione di assistere a un unico piano sequenza.

Due dei contendenti alla statuetta l’hanno già vinta e sono stati nominati più volte: Joel Cox ha già vinto per Unforgiven ed è stato candidato per Million Dollar Baby, mentre William Goldenberg ha raggiunto il successo nel 2013 per Argo ed è stato nominato altre tre volte per Seabiscuit, Zero Dark Thirty e The Insider. Tutti gli altri sono alla prima nomination in questa categoria.

La sensazione di chi scrive è che Boyhood parta con un piccolo e meritato vantaggio.

Il lavoro mastodontico portato avanti dalla troupe di Richard Linklater su un arco di tempo così ampio rappresenta un esperimento più unico che raro, che probabilmente non sarà ignorato dai giurati dell’Academy. Montare e rendere omogenee scene girate non solo in tempi notevolmente diversi, ma con location variate e fisionomia degli attori considerevolmente modificata a causa dei cambiamenti d’età ha sicuramente un coefficiente di difficoltà più elevato rispetto a quello degli avversari. Lo stupefacente risultato finale lo rende il favorito sia per i giurati sia per chi scrive.

La possibile sorpresa potrebbe venire dalla rivelazione Whiplash, soprattutto nel caso in cui non venga premiato in nessun’altra categoria, anche se almeno il premio per il migliore attore non protagonista sembra abbastanza sicuro, grazie alla stupefacente prova di J.K Simmons. Alcune scene della pellicola, in cui il protagonista suona la batteria al massimo delle sue possibilità fisiche per conquistare il maestro, sono montate in una maniera talmente frenetica da dare la sensazione di vivere sulla propria pelle la fatica e la sofferenza del musicista, aspetto che non farebbe gridare allo scandalo un successo di Tom Cross per il lavoro svolto in questa pellicola.

Gli altri tre contendenti sembrano nettamente più sfavoriti, ma avendo un numero elevato di nomination (ben 9 per The Grand Budapest Hotel, 8 per The Imitation Game e 6 per American Sniper) saranno sicuramente premiati in altre categorie a loro più congeniali.

Chi vincerà: Sandra AdairBoyhood
Chi dovrebbe vincere secondo Nuovo Cinema Lebowski: Sandra AdairBoyhood
Vincitore dell’Oscar 2015 per il miglior montaggioTom Cross – Whiplash

whiplash

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.