Oscar 2015 per la migliore fotografia

Migliore fotografia

Nomination

Emmanuel Lubezki Birdman or (The Unexpected Virtue of Ignorance)
Robert Yeoman The Grand Budapest Hotel
Ryszard Lenczewski e Lukasz Zal Ida
Dick Pope Mr. Turner
Roger Deakins Unbroken

Questa categoria vede confrontarsi artisti alla prima nomination (Yeoman, Lenczewski e Zal) o alla seconda (Dick Pope) con due autentiche leggende: Emmanuel Lubezki è alla sua settima nomination e ha ricevuto la statuetta appena un anno fa, per il lavoro svolto in Gravity, mentre Roger Deakins è addirittura alla dodicesima nomination, terza consecutiva, senza avere però mai vinto il premio.

Le speranze di vittoria di quest’ultimo sembrano affidate più a questa interminabile serie di sconfitte che ai reali meriti di una pellicola davvero modesta(Unbroken), che non viene salvata da una fotografia buona ma non eccezionale.

Le candidature di Ida e Mr. Turner sono due meritatissimi riconoscimenti a due pellicole lontane dai circuiti della grande distribuzione ma meritevoli di ampia considerazione, fatte con pochi soldi ma grande materiale umano e artistico. Difficilmente questi due film riusciranno a portare a casa la vittoria, ma è davvero positivo che siano arrivati a giocarsela.

I due favoriti d’obbligo per il premio sono i due lungometraggi che hanno guadagnato il maggior numero di nomination per quest’edizione, ben nove a testa.
Per entrambe le pellicole, la fotografia è parte integrante della narrazione e raggiunge un livello altissimo, al punto da dare la sensazione in alcune scene di assistere alla proiezione di un quadro in movimento.

Personalmente la mia preferenza andrebbe al lavoro svolto da Robert Yeoman in The Grand Budapest Hotel, perché è stato fondamentale per rendere l’atmosfera surreale del film, con i suoi colori accesi e brillanti e i toni quasi fiabeschi, caratteristiche tipiche del cinema di Wes Anderson.

La fotografia di Lubezki in Birdman è altrettanto valida e dalle tonalità più variegate, da quelle oscure dei passaggi ambientati dietro le quinte a quelle più chiare e accese delle scene all’esterno, ma passa in secondo piano rispetto ad altri aspetti del film, come l’ormai celeberrimo montaggio, le prove attoriali o la brillante sceneggiatura.

Credo che questa categoria sia fortemente soggetta a compensazioni per due pellicole che, forti di un numero elevato di nomination, difficilmente torneranno a casa a bocca asciutta. Nonostante il mio favorito per il premio sia The Grand Budapest Hotel, è quindi tutt’altro da escludere che a trionfare sia Birdman, soprattutto nel caso in cui quest’ultimo non riesca a vincere nessuno dei premi più importanti.

Chi vincerà: Robert Yeoman The Grand Budapest Hotel
Chi dovrebbe vincere per Nuovo Cinema Lebowski: Robert Yeoman The Grand Budapest Hotel
Vincitore dell’Oscar 2015 per la migliore fotografiaEmmanuel Lubezki – Birdman or (The Unexpected Virtue of Ignorance)

birdman

Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Autore articolo

Fondatore di Nuovo Cinema Lebowski e collaboratore per Cinematographe - Film Is Now ed Empire Italia. Amo il cinema in ogni sua forma, anche quelle meno riuscite. La prendo come viene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.