Oscar 2015 per la migliore attrice non protagonista

Oscar 2015 per la migliore attrice non protagonista

Nomination

Patricia ArquetteBoyhood
Laura DernWild
Keira KnightleyThe Imitation Game
Emma StoneBirdman or (The Unexpected Virtue of Ignorance)
Meryl StreepInto the Woods

La categoria delle migliori attrici non protagoniste in questa annata cinematografica ha prodotto alcune prove meritevoli di grande attenzione, anche se in generale il livello non è stato entusiasmante come quello delle protagoniste.

Meryl Streep ha guadagnato la sua diciannovesima nomination all’Oscar più per la sua leggendaria carriera che per l’interpretazione della strega in Into The Woods, sicuramente buona ma non più meritevole di quelle di altre attrici dal curriculum meno prestigioso.

Keira Knightley è stata premiata per la sua interpretazione di Joan Clarke, spalla e unico punto di riferimento di Alan Turing in The Imitation Game, prova valida ma non indimenticabile, che le ha comunque fatto guadagnare la seconda candidatura della sua carriera.

Laura Dern, nonostante il suo basso minutaggio in Wild, è riuscita a raffigurare con grande maestria il personaggio di una madre fragile e immatura, alle prese con una situazione decisamente più grande di lei, ma ciò nonostante fondamentale per la crescita della figlia, interpretata da Reese Whiterspoon. Anche per Laura Dern è la seconda nomination in carriera, dopo quella conquistata ben 23 anni fa per Rambling Rose.

Emma Stone ha conquistato la prima candidatura all’Oscar della sua carriera per la sua interpretazione in Birdman del ruolo di Sam Thomson, ragazza appena uscita da una clinica di riabilitazione e figlia del protagonista, con cui vive un rapporto teso e conflittuale. Una prova complessa e variegata, la più matura dell’ancora breve carriera dell’attrice 26enne, che ha ottenuto apprezzamenti e riconoscimenti da parte di critica e pubblico, ma che uscirà con ogni probabilità sconfitta dalla notte degli Oscar.

La statuetta sembra già virtualmente nelle mani di Patricia Arquette, autrice di un’interpretazione davvero valida e di forte impatto emotivo nel ruolo della madre del protagonista in Boyhood.
Per la prima volta nella storia del cinema vediamo una donna subire realmente lo scorrere del tempo sulla propria pelle, iniziando come una giovane madre piena di difficoltà e diventando una signora sicura di sé e fortificata dalle avversità della vita, mantenendo sempre intatto il suo ruolo di guida nella vita del figlio.
Patricia Arquette per questa sua performance ha già conquistato diversi prestigiosi premi di questa stagione cinematografica e molto probabilmente l’Oscar come migliore attrice non protagonista sarà la giusta e naturale conclusione di questa sua annata.

Chi vincerà: Patricia ArquetteBoyhood
Chi dovrebbe vincere per Nuovo Cinema Lebowski: Patricia ArquetteBoyhood
Vincitrice dell’Oscar 2015 per la migliore attrice non protagonista: Patricia Arquette – Boyhood

boyhood

Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Autore articolo

Fondatore di Nuovo Cinema Lebowski e collaboratore per Cinematographe - Film Is Now ed Empire Italia. Amo il cinema in ogni sua forma, anche quelle meno riuscite. La prendo come viene.

1 commento per ora.

  1. […] Dopo l’Oscar ottenuto l’anno scorso in questa categoria per La teoria del tutto, Eddie Redmayne si conferma nella rosa dei candidati per la sua prova nei panni di Einar Wegener/Lili Elbe, la prima persona nella storia a essersi sottoposta a un intervento chirurgico per cambio di sesso. Su The Danish Girl i giudizi sono stati i più disparati: chi ha gridato al capolavoro, chi al fallimento totale e chi si è posto più o meno a metà strada, compreso il sottoscritto. Il film sicuramente graffia molto meno di quanto dovrebbe, perdendo una buona occasione per parlare con carattere di un tema forte come la transessualità e le discriminazioni a essa collegata. Eddie Redmayne si allinea al film, offrendo un’altra prova di grande mimetismo e attingendo al meglio del suo repertorio di espressioni delicate e malinconiche, non arrivando però mai veramente al cuore dello spettatore. La doppietta di Oscar come attore protagonista in due anni consecutivi, che non si verifica dal 1995 (con Tom Hanks che fece il bis del successo per Philadelphia con Forrest Gump) sarebbe quindi ampiamente immeritata. Decisamente più probabile che un premio per The Danish Girl arrivi per Alicia Vikander come migliore attrice non protagonista. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.