Predestination (2014)

Predestination - Nuovo Cinema LebowskiTitolo originalePredestination
Paese di Produzione: Australia
Anno di uscita: 2014
Durata: 97′
Regia: Michael Spierig, Peter Spierig
Sceneggiatura: Michael Spierig, Peter Spierig
Musiche: Peter Spierig
Interpreti: Ethan Hawke, Sarah Snook, Noah Taylor, Christopher Kirby, Christopher Sommers, Kuni Hashimoto, Freya Stafford, Jim Knobeloch, Sara El-Yafi, Paul Moder, Grant Piro, Christopher Bunworth, Jamie Gleeson
Predestination (2014) on IMDb

Predestination - Nuovo Cinema Lebowski 4 “Il tempo trova sempre il modo di raggiungerci.”

In un momento d’oro per il cinema australiano, che ha recentemente prodotto ottime pellicole come Animal Kingdom, arrivano in sala ben due film provenienti dalla terra dei due canguri, Babadook e questo Predestination, distribuiti colpevolmente con più di un anno di ritardo rispetto alla maggior parte degli altri paesi.
A dispetto di un trailer che lascia presagire un dozzinale film d’azione senza grandi contenuti, Predestination è una delle più belle sorprese cinematografiche degli ultimi tempi, ispirata allo straordinario racconto All You Zombies di Robert A. Heinlein, da cui riprende un complesso gioco di salti avanti e indietro nel tempo che hanno già procurato alla pellicola paragoni con altri film  che stuzzicano la mente dello spettatore come Inception e Memento di Christopher Nolan, giusto per citarne due dei più recenti. Nobilita il film un cast diretto dai fratelli Michael e Peter Spierig e composto da attori già conosciuti e apprezzati come Ethan Hawke e Noah Taylor, accompagnati dalla folgorante rivelazione Sarah Snook, che regge gran parte del peso della pellicola sulle proprie spalle e che promette di lasciare un segno nel panorama cinematografico internazionale a partire già dal prossimo film in uscita che la vedrà nel cast, ovvero Steve Jobs di Danny Boyle.

Predestination - Nuovo Cinema Lebowski 3

In un passato alternativo è stata inventata una macchina che permette di viaggiare nel tempo, anche se solo di pochi anni. Un agente temporale governativo (Ethan Hawke), sfruttando i viaggi nel tempo, sta cercando di sventare le azioni criminali del terrorista Fizzle Bomber, ma durante una di queste azioni è vittima di un’esplosione che gli procura gravissimi danni al volto, rendendo necessaria un’operazione per cambiare totalmente i suoi connotati. L’agente viene quindi mandato a lavorare sotto copertura in un bar, dove incontra John (Sarah Snook), uno scrittore che cura una rubrica per una rivista destinata a un pubblico femminile, che promette all’improvvisato barista di raccontargli la storia più incredibile che abbia mai sentito. L’agente apprende così il terribile passato di John: l’infanzia difficile, la sua curiosa natura sessuale, i suoi amori falliti. Con il procedere del racconto, l’agente capisce che John potrebbe diventare un suo valido collega e gli propone di entrare nella sua stessa agenzia, con la promessa di aiutarlo a trovare e uccidere l’uomo che ha rovinato per sempre la sua sua vita. Ha così inizio un lungo viaggio avanti e indietro nel tempo che legherà per sempre le vite e i destini dei due uomini.

Predestination - Nuovo Cinema Lebowski 2

Predestination è un elegante rompicapo sui che coinvolge in maniera intelligente lo spettatore, svelandogli progressivamente e coi giusti tempi la storia e il destino dei personaggi senza ricorrere a una serie di colpi di scena nel finale, ma è anche un film che affronta, soprattutto nella prima parte, che verte sullo splendido e lungo flashback sulla vita di John, tematiche forti come l’identità di genere, il cambio di sesso, il libero arbitrio e la perdita di amore e figli, avvalendosi della magistrale interpretazione di Sarah Snook, che riesce a impersonare con la stessa efficacia persone di diverso sesso su un arco di tempo particolarmente ampio, rendendo alla perfezione il dolore e la rabbia interiore di una persona che ha dovuto passare attraverso esperienze orribili e decisamente fuori dal comune. A una parte iniziale che si prende tutto il tempo necessario per introdurre i personaggi e le storie che gli fanno da sfondo, segue una seconda in cui il ritmo aumenta vertiginosamente, creando un vortice di salti avanti e indietro nel tempo, realtà alternative e paradossi temporali che inizialmente può creare confusione e senso di spaesamento, ma che con il passare del tempo prende una piega ben precisa e abbastanza prevedibile, che affascina lo spettatore anche a pellicola terminata, rendendo utile se non necessaria una seconda visione per mettere insieme tutti i pezzi di questo raffinato puzzle.
Il nostro destino è veramente nelle nostre mani? È realmente possibile cambiare il passato e il successivo corso degli eventi? Il tempo è una linea retta come siamo abituati a intenderlo o una spirale di cui è difficile, se non impossibile, individuare il principio e la conclusione? Queste e altre domande investiranno la vostra mente, che al tempo stesso sarà impegnata a fare ordine nella storia, rendendo così Predestination un film da vedere con la massima attenzione, per potere cogliere tutti i vari indizi e suggerimenti disseminati nel corso della pellicola.

Predestination - Nuovo Cinema Lebowski 5

Come per tutti i film di questo genere, le forzature nello scorrere degli eventi sono presenti e fondamentalmente inevitabili, ma non rovinano la portata di una pellicola ambiziosa, ricca di momenti emozionanti e notevole anche sotto l’aspetto tecnico, con un montaggio che si adatta al ritmo degli eventi ed effetti speciali più che buoni, nonostante un budget sicuramente inferiore a gran parte delle recenti produzioni fantascientifiche. Eccellenti le interpretazioni di tutti gli elementi del cast, dalla già citata Sarah Snooke al sempre più bravo Ethan Hawke, del quale stupisce la voglia di dedicarsi a progetti molto particolari come i precedenti Boyhood, la serie di Prima dell’albaLa notte del giudizio. Da segnalare inoltre il piccolo ma importante ruolo di Noah Taylor, che ricorda quello da lui già interpretato in Vanilla Sky. Dire di più e svelare troppo sugli sviluppi della storia sarebbe ingeneroso nei confronti di coloro i quali devono ancora vedere il film, che vedrebbero smorzata la sorpresa positiva data dal dipanarsi di questo affascinante labirinto cinematografico, che, pur senza ricorrere a spiegoni ed evitando di sbattere in faccia la soluzione allo spettatore, risponde a tutte (o quasi) le domande aperte in maniera soddisfacente e abbastanza comprensibile da chiunque. Il mio consiglio è quindi quello di presentarvi alla visione con la mente completamente sgombra da pregiudizi e aspettative e di godervi questo piccolo gioiello che nel tempo potrebbe diventare un vero e proprio cult, che vi spingerà a chiedervi è nato prima l’uovo o la gallina?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.