Spy (2015)

Spy - Nuovo Cinema LebowskiTitolo originaleSpy
Paese di Produzione: USA
Anno di uscita: 2015
Durata: 120′
Regia: Paul Feig
Sceneggiatura: Paul Feig
Musiche: Theodore Shapiro
Interpreti: Melissa McCarthy, Jason Statham, Jude Law, Rose Byrne, Morena Baccarin, 50 Cent, Allison Janney, Bobby Cannavale, Miranda Hart, Carlos Ponce, Raad Rawi
Spy (2015) on IMDb

 

Spy - Nuovo Cinema Lebowski 5
«Chi cazzo sei tu?»
«Sono quella che ti taglierà il pisello e te lo incollerà sulla fronte, così sembrerai un unicorno col pisello moscio. Ecco chi cazzo sono, capito?»

Spy è un film del 2015 che fin dal titolo si propone come una rilettura in chiave comica delle classiche pellicole di azione e spionaggio della serie di James Bond. L’operazione in sé non è particolarmente originale ed è già stata vista in film come Austin Powers, Spia e lascia spiareAgente Smart – Casino totale, ma l’idea vincente del regista, sceneggiatore e produttore Paul Feig è quella di mettere al centro della vicenda una donna di mezz’età come tante e dalle misure non tipicamente da modella come Melissa McCarthy, attrice feticcio di Feig che lavorerà nuovamente con lui anche nell’imminente e già discusso remake/reboot di Ghostbusters, anch’esso affidato alla comicità femminile.
Ad affiancare la simpatica attrice già interprete di commedie apprezzate come St. VincentLe amiche della sposa (diretto dallo stesso Paul Feig) vengono chiamati Jude Law e Rose Byrne, che non sfigurerebbero in un film della saga dell’Agente 007 rispettivamente nei ruoli di James Bond e della Bond girl di turno, insieme al divo del cinema action Jason Statham, il quale interpreta con grande autoironia un ruolo caricaturale nei confronti di gran parte dei personaggi impersonati nella sua carriera. Da segnalare inoltre le piccole apparizioni del rapper 50 Cent (nel ruolo di sé stesso) e di Morena Baccarin, già fra le protagoniste di serie televisive apprezzate come Firefly e Homeland.
Nonostante le diffidenze iniziali, Spy ha già incassato circa 230 milioni di dollari in tutto il mondo a fronte di un budget di 65, cifre che fin da ora ne decretano il successo dal punto di vista commerciale.

Spy - Nuovo Cinema Lebowski 4

Susan Cooper (Melissa McCarthy) è un’analista della CIA insicura e poco appariscente, che vive una vita monotona e priva di sussulti guidando e assistendo dalla sua scrivania il collega Bradley Fine (Jude Law), che invece è spesso impegnato in missioni pericolose e particolarmente importanti. Susan è perdutamente innamorata di Bradley, il quale non solo non ricambia, ma si approfitta dell’ascendente che ha sulla collega per ottenere piccoli favori e cortesie anche al di fuori del posto di lavoro. Durante una missione, Bradley uccide accidentalmente un boss a conoscenza di importanti informazioni su un dispositivo nucleare che interessa alla CIA, finendo per essere successivamente ammazzato dalla sua seducente figlia Rayna Boyanov (Rose Byrne). La voglia di vendetta da parte di Susan e la necessità di mandare in missione un volto sconosciuto alla Boyanov diventano il lasciapassare per l’invio sul campo della donna, nonostante il parere discordante dell’Agente Rick Ford (Jason Statham), desideroso di entrare in scena a sua volta. Per Susan ha così inizio una serie di spassose missioni in giro per il mondo, in cui la donna avrà modo di dimostrare il suo valore nonostante le apparenze.

Spy - Nuovo Cinema Lebowski 2

Paul Feig insiste su quello che da Le amiche della sposa in poi è diventato il suo marchio di fabbrica, ovvero una comicità tutta al femminile, affidandosi nuovamente all’irresistibile simpatia di Melissa McCarthy, che si conferma uno degli astri nascenti della commedia americana, dimostrando notevoli doti umoristiche e brillanti, che vanno al di là della sua imponente stazza fisica. Il regista riesce nell’intento di fare divertire con una commedia leggera, molto volgare e a tratti demenziale senza però scadere in una inconsistente parodia o in uno scontato femminismo, scardinando i canoni del cinema d’azione (si vedano l’esilarante omicidio involontario iniziale o le gag sul quartier generale della CIA che cade letteralmente a pezzi) e giocando con un umorismo politicamente scorretto che prende di mira in egual misura i punti deboli di tutte le parti in causa, come l’imbranataggine del personaggio di Melissa McCarthy, la spavalderia di quello interpretato da Jason Statham (che conferma di avere notevoli comiche), la boriosità della Rayna Boyanov impersonata dalla splendida Rose Byrne o l’inconsistenza celata dietro alla notevole apparenza dell’Agente Bradley Fine portato su schermo da Jude Law.

Spy - Nuovo Cinema Lebowski 3

Non mancano banalità e forzature nella trama, tipiche di questo genere di film, accentuate da una durata eccessivamente lunga, che, soprattutto nella parte conclusiva, penalizza il ritmo della pellicola. Inoltre, da italiani, spiace vedere la caratterizzazione del personaggio di Aldo (interpretato da Peter Serafinowicz) come il classico rozzo provolone italico, sul quale calca la mano anche il nostro doppiaggio con un marcato accento romanesco spesso fuori luogo. Nonostante questi difetti e uno sviluppo della trama più che prevedibile, il film non annoia e si può ritenere un riuscito esperimento di fusione tra commedia e cinema di spionaggio, con il pregio di affidare il ruolo di protagonista assoluta a una donna qualsiasi, ben lontana dai canoni di bellezza a cui il cinema recente ci ha abituato e in cui chiunque si può identificare. Spy sarà in sala ancora per qualche giorno e in queste torride serate di Agosto, avare di nuove uscite cinematografiche, può essere una valida alternativa per due ore di spensierato refrigerio.

Curiosità

In uno dei poster promozionali del film, Melissa McCarthy è raffigurata dipinta di oro, chiaro omaggio a Goldfinger.

Paul Feig ha dichiarato che l’idea per Spy gli è venuta dopo aver visto Casino Royale, primo episodio della saga di James Bond con Daniel Craig protagonista; è rimasto talmente impressionato da questo film (che considera il miglior film d’azione mai fatto) da decidere di farne una sua rivisitazione in chiave ironica e con una protagonista femminile.

Il personaggio interpretato da Jason Statham, creato da Paul Feig appositamente per l’attore britannico, racconta durante il film alcune sue improbabili avventure; in uno di questi racconti sostiene di aver usato un defibrillatore su di sé, cosa che fa il personaggio impersonato da Statham in Crank: High Voltage.

Spy è la terza collaborazione fra Paul FeigMelissa McCarthy, dopo Le amiche della sposa e Corpi da reato. I due lavoreranno insieme anche nell’imminente terzo capitolo dei Ghostbusters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.