Ant-Man (2015)

Ant-Man - Nuovo Cinema LebowskiTitolo originale: Ant-Man
Paese di Produzione: USA
Anno di uscita: 2015
Durata: 117′
Regia: Peyton Reed
Sceneggiatura: Edgar Wright, Joe Cornish, Paul Rudd, Adam McKay
Musiche: Christophe Beck
Interpreti: Paul Rudd, Michael Douglas, Evangeline Lilly, Corey Stoll, Bobby Cannavale, Michael Peña, Judy Greer, Tip “T.I.” Harris, Wood Harris, Anthony Mackie, David Dastmalchian
Ant-Man (2015) on IMDb

 

Ant-man - Nuovo Cinema Lebowski 2
“Se tutti avessero il potere di un dio, sarebbe il caos.”

Ant-Man è il film che chiude la cosiddetta Fase Due del Marvel Cinematic Universe, collegandosi esplicitamente alla pellicola che invece aprirà la Fase Tre, ovvero Captain America: Civil War, che arriverà in sala il 4 maggio 2016. La pellicola è basata sulle avventure dell’omonimo personaggio dei fumetti Marvel, che sono state adattate in maniera abbastanza libera attraverso un processo produttivo che ha vissuto diversi stravolgimenti, il più importante del quale è stato sicuramente l’abbandono a pochi giorni dall’inizio delle riprese, a causa di inconciliabili divergenze creative con la produzione, da parte di Edgar Wright (regista e sceneggiatore dell’apprezzatissimo Trilogia del Cornetto e di Scott Pilgrim vs. the World), che ha così lasciato la regia nelle mani di Peyton Reed, reduce da 7 anni di pausa dal cinema dopo il suo precedente Yes Man. Nonostante questa genesi travagliata, che ha scontato anche l’uscita dal cast di Patrick Wilson e la modifica di ampie porzioni della sceneggiatura di Edgar Wright, Ant-Man ha avuto fin da subito un buon riscontro da parte di pubblico e critica, che ne hanno lodato l’atmosfera comica e irriverente e l’ottimo cast, guidato dal protagonista Paul Rudd e da due spalle d’eccezione come Evangeline Lilly (l’indimenticabile Kate di Lost) e il mostro sacro Michael Douglas.

Ant-man - Nuovo Cinema Lebowski 4
«I vecchi tempi dei furti con effrazione sono finiti. Che vuole che faccia?»
«Voglio che tu commetta un furto con effrazione.»

Scott Lang (Paul Rudd) è un abile ladro appena rilasciato dal carcere, alle prese con grandi difficoltà nel suo reinserimento lavorativo a causa della sua fedina penale sporca. A peggiorare le cose ci sono anche l’ex moglie Maggie (Judy Greer) e il suo attuale marito e poliziotto Paxton (Bobby Cannavale), che ostacolano Scott nel suo tentativo di riavvicinarsi alla figlia Cassie. Impossibilitato a vivere una vita normale nei confini della legalità, Scott accetta così la proposta del suo amico Luis (Michael Peña), ovvero un furto a casa del ricco scienziato Hank Pym (Michael Douglas). Una volta aperta la cassaforte, Scott trova una particolare tuta, che quando indossata lo fa rimpicciolire alle dimensioni di una formica. L’ex galeotto viene poi contattato dallo stesso Hank Pym, che gli svela di aver favorito il suo ingresso in casa per metterlo alla prova e per ingaggiarlo nella lotta al suo ex pupillo Darren Cross (Corey Stoll), il quale dopo averlo cacciato dalla sua stessa azienda ha in progetto di utilizzare la tecnologia del restringimento (sviluppata dallo scienziato diversi anni prima quando lavorava per lo S.H.I.E.L.D.) per scopi bellici. Se Lang aiuterà Pym, in cambio avrà il suo appoggio per la riconquista della custodia della figlia. Scott si vede così costretto ad accettare la proposta dello scienziato e a cominciare un duro addestramento con Hope Van Dyne (Evangeline Lilly), figlia di Pym che sta facendo il doppio gioco con Cross e che introdurrà il nuovo Ant-Man ai segreti e ai trucchi del mondo microscopico.

Ant-man - Nuovo Cinema Lebowski 5

Sull’onda di Guardians of The Galaxy, la Marvel sforna un altra buona pellicola di genere che ha nella leggerezza e nella comicità le proprie armi migliori e che riesce a coinvolgere e divertire pur basando gran parte del proprio arco narrativo su un tema ormai abusato come il rapporto padre-figlia e su uno non certo inedito come quello del rimpicciolimento degli esseri umani, già sfruttato in commedie popolari comeTesoro, mi si sono ristretti i ragazzi o in fantascienza di alto livello come il romanzo Tre millimetri al giorno di Richard Matheson e la sua trasposizione cinematografica Radiazioni BX: distruzione uomo.
La scelta di riservare il ruolo del protagonista della vicenda a un classico antieroe che con irriverenza e aria scanzonata sminuisce continuamente la propria figura è vincente, anche grazie all’ottima prova di Paul Rudd, che dopo una serie di pellicole più prettamente comiche come 40 anni vergine, Molto incintaNon mi scaricareRole Models sembra avere raggiunto la piena maturità artistica e una certa consapevolezza nei propri mezzi.
Il regista Peyton Reed è bravo a gestire una sceneggiatura molto semplice e lineare senza concentrare tutto sull’azione e sugli effetti speciali (comunque di ottima fattura soprattutto nelle scene ambientate nel cosiddetto regno quantico subatomico), ma lasciando ampio spazio ai toni tipici dell’heist movie, che occupano una parte importante della pellicola, alla comicità di spalle come la rivelazione Michael Peña e ai ben gestiti momenti più drammatici che vedono protagonista un Michael Douglas in grande forma (anche ringiovanito digitalmente in alcune sequenze) e una radiosa Evangeline Lilly, che a una bellezza disarmante affianca doti attoriali che reggono bene il confronto con il più celebrato collega che interpreta suo padre. Pecche abbastanza evidenti della pellicola sono invece un villain di scarso spessore, quel Corey Stoll che alcuni ricorderanno in House of Cards, che risente dell’atmosfera goliardica e scherzosa del film e di uno scarso minutaggio, insieme ad alcuni risvolti della trama forzati e semplicistici, come le tensioni fra il personaggio di Hope Van Dyne e i due protagonisti maschili, che si sciolgono in maniera un po’ troppo sbrigativa.

Ant-man - Nuovo Cinema Lebowski 3

Ant-Man scorre via bene per due ore, senza subire quei vistosi cali di ritmo che spesso affliggono i film della Marvel, affascinando nelle sequenze che vedono in azione lo Scott Lang rimpicciolito e beneficiando delle scelte di un protagonista in cui chiunque può immedesimarsi e di una storia che nella sua semplicità attraversa temi non banali come le potenzialità del mondo microscopico insieme ad altri di sicuro impatto, come la possibilità di redenzione, il complicato rapporto padre-figlia e l’importanza della cooperazione, suggerita dal comportamento da vera e propria squadra delle formiche alleate dei personaggi principali. Le vicende del film si inseriscono nella continuità del Marvel Cinematic Universe e si collegano in particolare a quelle di Captain America, con il quale presumibilmente Scott Lang si incontrerà nel prossimo Captain America: Civil War. Al momento non sono previsti seguiti per questa pellicola, ma nell’età dei sequel e nella vastità del mondo Marvel c’è da scommettere che un piccolo ulteriore spazio per le avventure dell’uomo formica si troverà. Questo eroe così incerto, sgangherato e lontano dall’autorevolezza dei suoi colleghi supereroi se lo meriterebbe. Correte quindi al cinema a godervi uno dei migliori film della Marvel e, come da tradizione, rimanete incollati alla poltrona fino alla fine, in modo da vedere una scena durante i titoli di coda e un’altra alla fine.

Curiosità

Joseph Gordon-Levitt per alcuni mesi è stato in ballottaggio con Paul Rudd per il ruolo del protagonista Scott Lang.

Jessica Chastain ha rifiutato il ruolo di Hope.

Nei fumetti della Marvel, Ant-Man è uno dei componenti e membri fondatori degli Avengers, che in questo film vengono invece simpaticamente citati da Scott Lang come suoi ipotetici aiutanti.

La scena in cui Ant-Man entra nel regno subatomico è un omaggio al celebre trip di 2001: Odissea nello spazio.

Stan Lee fa il suo classico cameo nella parte di un barista all’interno della storia che Luis racconta a Scott nella parte finale della pellicola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.