Quantum of Solace (2008)

Quantum of Solace - Nuovo Cinema LebowskiTitolo originale: Quantum of Solace
Paese di Produzione: Regno Unito, USA
Anno di uscita: 2008
Durata: 107′
Regia: Marc Forster
Sceneggiatura: Paul Haggis, Neal Purvis, Robert Wade
Musiche: David Arnold
Interpreti: Daniel Craig, Olga Kurylenko, Mathieu Amalric, Judi Dench, Giancarlo Giannini, Gemma Arterton, Jesper Christensen, Lucrezia Lante della Rovere, Rory Kinnear, Joaquín Cosio, Anatole Taubman, Glenn Foster, Jesùs OchoaQuantum of Solace (2008) on IMDb
Quantum of Solace - Nuovo Cinema Lebowski 2
«Ti va di andare a una festa?»
«A una festa? Non ho niente da mettermi.»
«Ci penseremo.»

Dopo il successo di critica e pubblico di Casino Royale, arriva Quantum of Solace, ventiduesimo capitolo della saga di James Bond che per la prima volta introduce una forte continuità con l’episodio precedente, richiamandone esplicitamente avvenimenti e personaggi. Alla regia viene chiamato Marc Forster, reduce dai successi di pellicole come Neverland – Un sogno per la vita e Il cacciatore di aquiloniDaniel Craig torna a interpretare un Agente 007 particolarmente rude e oscuro, accompagnato dalla solita splendida Judi Dench (giunta alla sua sesta apparizione consecutiva nella serie) e dai nuovi ingressi del villain principale Mathieu Amalric e delle due Bond girl Olga Kurylenko e Gemma Arterton. Come nell’episodio precedente, c’è spazio anche per molta italianità, rappresentata dagli attori Giancarlo Giannini (che riprende il ruolo di René Mathis) e Lucrezia Lante della Rovere e da alcune location, come quelle del Lago di Garda e di Siena, immortalata durante il suo celebre Palio. 

Quantum of Solace - Nuovo Cinema Lebowski 5
«Hai perso qualcuno?»
«Sì.»
«E hai preso il colpevole?»
«No, ancora no.»
«Dimmi quando ci riesci. Voglio sapere che cosa si prova.»

Il film si apre con James Bond (Daniel Craig), ancora scosso per il tradimento e la morte di Vesper Lynd, che fugge a velocità folle per portare da M (Judi Dench) Mr. White (Jesper Christensen), inseguito dagli scagnozzi di quest’ultimo. Durante l’interrogatorio di Mr. White, M e Bond vengono a conoscenza di Quantum, una pericolosa organizzazione terroristica di cui l’MI6 conosce poco. Mr. White riesce però a fuggire grazie al lavoro di un infiltrato, che Bond segue fino ad Haiti. Qui conosce Camille Montes (Olga Kurylenko), la splendida amante di Dominic Greene (Mathieu Amalric), imprenditore ambientalista collegato a Quantum. Per James Bond inizia così una lunga missione fra Italia, Austria e Sud America durante la quale scoprirà la cospirazione di Greene, che cercherà di sventare con l’aiuto di Camille.

Quantum of Solace - Nuovo Cinema Lebowski 3 «È un tuo amico?»
«Io non ho amici.»

Quantum of Solace si propone fin da subito come un capitolo di transizione sia per James Bond, che dovrà cercare di liberarsi dal dolore e dalla rabbia per il tradimento da parte di Vesper Lynd in Casino Royale, sia per l’intera saga, che dopo la precedente ondata di novità stilistiche e narrative tira il fiato e si adagia su un classico action movie fatto di adrenalinici inseguimenti per mezzo mondo. Ciò che stona di più è la regia di Marc Forster, che si dimostra maggiormente adatto a pellicole dai ritmi più compassati come i suoi precedenti lavori che a un film d’azione moderno come questo. Gli inseguimenti, soprattutto quello iniziale, sono girati con un montaggio talmente serrato da risultare confusi e a volte incomprensibili e anche i continui viaggi dei protagonisti riescono solamente a complicare la comprensione della trama per lo spettatore. Per la prima volta nella saga, spesso indebolita da pellicole tirate per le lunghe e dalla durata eccessiva, si ha la netta sensazione che 20-30 minuti in più avrebbero certamente giovato al film.

Quantum of Solace si tiene a galla soprattutto grazie a un’altra prestazione maiuscola da parte di Daniel Craig, perfetto nel rendere il conflitto interiore e la voglia di vendetta di James Bond, supportato da una Judi Dench portata giustamente più al centro dell’azione con la funzione di grillo parlante del protagonista. Olga Kurylenko si dimostra una buona Bond girl principale (che per la prima volta non “consuma” con l’Agente 007), mentre la splendida Gemma Arterton è sprecata nella piccola (e francamente inutile ai fini della trama) parte dell’Agente Strawberry Fields, che arriva da Bond per farle da cane da guardia per poi subire inevitabilmente il suo fascino. Convincente anche la prova del villain Mathieu Amalric, con un piano per una volta abbastanza credibile che prevede il controllo di una risorsa naturale a fini di lucro, ma il Le Chiffre di Mads Mikkelsen è onestamente di un’altra categoria per carisma e presenza scenica. Un finale diverso da quello della pellicola precedente, ma comunque lontano dai canoni bondiani, chiude idealmente una parte fondamentale dell’esistenza dell’Agente 007, aprendo la porta a un nuovo capitolo che arriverà 4 anni più tardi con Skyfall.

Quantum of Solace - Nuovo Cinema Lebowski 4
“Lei deve sapere una cosa su di me e sulle persone con cui lavoro. Noi trattiamo con la destra e la sinistra, con dittatori e liberatori. Se l’attuale presidente fosse stato più disponibile non starei qui a parlare con lei. Quindi, se decide di non firmare, si sveglierà con le palle in bocca e un suo rimpiazzo più compiacente in piedi sopra di lei. Se dubita che sia così, mi spari, prenda quei soldi e si faccia una bella dormita.”

Dopo la sorpresa positiva di Casino Royale, Quantum of Solace delude le attese, rivelandosi poco più che uno strascico dell’episodio precedente, girato in fretta e furia per cavalcarne l’onda, ma comunque importante per la maturazione del personaggio che il nuovo corso vuole mostrare. Consigliato soprattutto ai completisti della serie, mentre coloro i quali dovessero approcciarsi alle avventure di James Bond con questa pellicola rischierebbero di comprendere poco, per via dei diversi riferimenti all’episodio precedente.

Curiosità

L’Agente Fields si chiama Strawberry in omaggio alla canzone dei Beatles Strawberry Fields Forever.

Le fasi preliminari della produzione di questo film cominciarono prima dell’inizio delle riprese di Casino Royale.

L’Agente Fields viene trovata morta nella stessa posizione in cui viene scoperto il cadavere del personaggio interpretato da Shirley Eaton in Goldfinger. La citazione è resa ancora più esplicita dal fatto che il corpo di Fields viene trovato ricoperto di petrolio, facendo così il verso a quello ricoperto d’oro della Eaton.

Con 107 minuti di lunghezza, Quantum of Solace è per ora il film più corto della saga ufficiale, seguito diretto di quello che è invece il più lungo, ovvero Casino Royale.

Per la prima volta nella saga, James Bond appare ubriaco. Lo stesso Agente 007 conferma il fatto dichiarando di avere appena bevuto sei Vesper Martini.

La canzone d’apertura del film avrebbe dovuto essere cantata da Amy Winehouse, ma il contratto fra la produzione e la cantante fu rotto a causa dei suoi problemi di alcolismo e tossicodipendenza quest’ultima, che la portarono a una prematura morte nel 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.