Oscar 2016 per il miglior montaggio

Nomination

Hank Corwin – La grande scommessa
Margaret SixelMad Max: Fury Road
Stephen MirrioneRevenant – Redivivo
Tom McArdle Il caso Spotlight
Maryann Brandon e Mary Jo MarkeyStar Wars: Il risveglio della Forza

Oscar 2016 miglior montaggio

Vai allo speciale Oscar 2016In questa categoria tecnica, un gruppo di persone alla prima candidatura assoluta agli Oscar sfida Stephen Mirrione, alla sua terza nomination con una statuetta già vinta per Traffic. Per tutti i nominati, il montaggio rappresenta un punto di forza determinante per la riuscita delle rispettive pellicole. È questo il caso de La grande scommessa, che anche grazie a un montaggio serrato si rivela un film brillante e dall’ottimo ritmo, nonostante la presenza di diverse spiegazioni tecniche relative al mondo della finanza, che avrebbero potuto facilmente annoiare. Anche per quanto riguarda Star Wars: Il risveglio della Forza, il montaggio è stato parte integrante per la riuscita di diverse scene, soprattutto quelle d’azione, che si sono dimostrate più che valide, non facendo rimpiangere le grandi battaglie dei precedenti film della sagaIl caso Spotlight punta anche su un grande montaggio per sfruttare al meglio la bravura dei membri del cast (su tutti Mark Ruffalo) e per coinvolgere lo spettatore in un’indagine che scuote nel profondo. Per quanto riguarda Revenant – Redivivo, il montaggio si integra perfettamente con i virtuosismi della regia di Alejandro González Iñárritu (di cui abbiamo già parlato nei pronostici sull’Oscar 2016 per la migliore regia), il quale quest’anno ha puntato sicuramente di più su questa fase rispetto a quanto fatto l’anno scorso con Birdman, in cui invece il montaggio era stato relativamente facile per via del mostruoso lavoro fatto in fase di studio delle inquadrature, che doveva dare l’impressione che il film fosse girato in un unico piano sequenza. Chiude il gruppo dei nominati Mad Max: Fury Road, il nuovo episodio della saga creata da George Miller: un film che ha convinto anche i critici più severi, riscrivendo le regole degli action movie moderni e mantenendo l’adrenalina dello spettatore al top per due ore, anche grazie a un montaggio serrato che non concede un momento di respiro.

Credo che a trionfare in questa categoria sarà proprio il quarto episodio della saga di Max Rockatansky, che potrebbe fare razzia di premi tecnici, rimanendo invece probabilmente a bocca asciutta per quanto riguarda le categorie più ambite. Un riconoscimento che sarebbe sicuramente meritato per un film che ha stupito davvero tutti. Unico serio rivale potrebbe essere La grande scommessa, che nel gioco delle compensazioni potrebbe avere questo contentino se gli venissero negati altri premi o se Mad Max: Fury Road trionfasse in categorie più importanti come quella dell’Oscar 2016 per la migliore regia.

Chi vinceràMargaret Sixel – Mad Max: Fury Road
Chi dovrebbe vincere per Nuovo Cinema Lebowski: Margaret Sixel – Mad Max: Fury Road
Chi ha vinto l’Oscar 2016 per il miglior montaggioMargaret Sixel – Mad Max: Fury Road

Mad Max Fury Road Oscar 2016 miglior montaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.