Lost 1×03 – Tabula Rasa (2004)

LostTitolo originaleTabula Rasa
Paese di Produzione: USA
Anno di uscita2004
Durata: 43′
Regia: Jack Bender
Sceneggiatura: Damon Lindelof
Musiche: Michael Giacchino
Interpreti: Matthew FoxEvangeline LillyJosh HollowayTerry O’QuinnNaveen AndrewsJorge GarciaEmilie de RavinMaggie GraceDominic MonaghanIan SomerhalderHarold PerrineauDaniel Dae KimYunjin KimMalcolm David Kelley
Tabula Rasa (2004) on IMDb

Lost 1x03
«Voglio dirti cos’ho fatto. Perché mi dava la caccia.»
«Non voglio saperlo. Non ha davvero importanza, Kate, chi eravamo e cos’abbiamo fatto prima dell’incidente. Tre giorni fa siamo tutti morti. Dovremmo tutti ricominciare da zero.»

Sono presenti spoiler relativi solo ed esclusivamente alla puntata presa in esame. Coloro i quali hanno visto questo episodio, ma non quelli successivi, possono comunque procedere tranquillamente con la lettura.

Dopo il debutto con il doppio episodio pilota, Lost comincia a tessere la sua trama fatta di segreti, intrighi e inganni con Tabula Rasa, puntata dai ritmi più lenti ma non per questo meno importante della precedente. La protagonista dell’episodio è Kate, della quale vediamo in parallelo i primi passi sull’isola e parte del suo recente e torbido passato. Dietro allo sguardo dolce e angelico del personaggio brillantemente interpretato da Evangeline Lilly, si nasconde infatti una criminale su cui pende una taglia di 23.000 dollari, che è stata arrestata in Australia dallo sceriffo Edward Mars, ora morente sull’isola. Nonostante i suoi problemi con la legge, dei quali non conosciamo ancora i dettagli, la bella fuggitiva riesce a guadagnarsi una fiducia da parte dei suoi compagni di naufragio tale da renderla la persona più affidabile a cui consegnare una pistola, precedentemente oggetto di contesa fra Sayid, Boone e Sawyer. Proprio quest’ultimo, truffatore provetto, comincia a tessere la sua tela di sotterfugi, alleanze e rivalità, trovando con Kate un’intesa naturale, basata sull’allergia alle regole e sulla mancanza di scrupoli in caso di difficoltà, e un duro ostacolo in Jack, al contrario ligio ai dettami e a un modo di agire corretto e rispettoso della collettività.

Lost 1x03
«Non stai guardando il quadro generale, Doc. Vivi ancora nel mondo civile.»
«Ah, sì? E tu dove sei?»
«Io? Io sono nella giungla.»

Fra Jack, Kate e Sawyer comincia a delinearsi un triangolo esplosivo, che fa emergere le differenze caratteriali e i diversi modi dei tre di affrontare la loro nuova vita sull’isola. Tutti sono però accomunati da un dettaglio abbastanza scontato, ma non per questo meno importante, esplicitato in due dialoghi con protagonista Jack: ciò che è stato prima dell’isola passa inevitabilmente in secondo piano; i naufraghi hanno l’occasione di crearsi una nuova esistenza, lontana dai disagi e dalle sofferenze che li tormentavano. A emergere in questa fase sono il senso di responsabilità e la forza d’animo di Jack, che si danna l’anima per cercare di salvare la vita di Edward Mars, mentre Kate e Sawyer si dimostrano incapaci di compiere anche un semplice e necessario gesto che avrebbe accorciato le sofferenze dello sceriffo.

Lost 1x03

Fra gli altri naufraghi, viene alla luce il carisma e il fascino di John Locke, che preoccupa Michael per lo stretto rapporto che sta instaurando con il figlio Walt. Il personaggio interpretato da John Terry si profila inoltre come una fonte inesauribile di risorse in termini di praticità e sopravvivenza. Locke intaglia infatti un fischietto con il quale riesce a richiamare Vincent, il labrador di Walt che si era perso nella giungla, lasciando saggiamente a Michael il compito di restituire l’animale al figlio, e aiutando così i due a ricostruire il loro difficile e controverso rapporto. Dopo alcuni momenti di tensione, l’armonia sembra pervadere i nuovi abitanti dell’isola, che sulle note di Wash Away di Joe Purdy cercano di lasciarsi alle spalle i loro piccoli e grandi dissidi per cominciare ad organizzare la loro permanenza sull’isola. A metterci in guardia sulla fragilità e sulla brevità di questo equilibrio è però ancora una volta John Locke, che chiude questo episodio di transizione con uno sguardo enigmatico e inquietante che non lascia presagire nulla di buono per l’imminente futuro.

Lost 1x03

Curiosità

Tabula rasa è il nome di una tesi filosofica secondo la quale nel momento della nascita la mente umana è immacolata e senza idee pregresse, quindi tutto ciò che sappiamo deriva esclusivamente dall’esperienza. Il filosofo che sostiene questa tesi è John Locke.

Nel primo episodio, Charlie scrive sulle dita di una sua mano le lettere FATE (destino). In questa puntata corregge la scritta in LATE (tardi).

Tabula Rasa è il primo episodio di Lost ad avere la struttura canonica della serie, ovvero un  flashback incentrato sulle vicende di un solo personaggio prima dell’incidente alternato agli avvenimenti sull’isola.

Charlie dice che il proprietario della sedia a rotelle ritrovata fra i detriti ha avuto una sorte migliore dei naufraghi. In realtà colui che utilizzava questo oggetto è ancora vivo e vegeto, e scopriremo la sua identità nella prossima puntata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.