Oscar 2015 per la migliore sceneggiatura non originale

Migliore sceneggiatura non originale

Nomination

Jason Hall American Sniper
Paul Thomas Anderson – Inherent Vice
Damien Chazelle – Whiplash
Anthony McCarten – The Theory of Everything
Graham Moore – The Imitation Game

A giocarsi la vittoria in questa categoria sono cinque pellicole che hanno ricevuto grandi consensi da parte della critica e che, ad eccezione di Inherent Vice, sono state tutte candidate anche per il premio al miglior film.

Paul Thomas Anderson è l’unico dei cinque candidati ad avere già ricevuto precedentemente altre nomination per la sceneggiatura. Con il suo lavoro per Inherent Vice è arrivato a quota quattro candidature totali, equamente divise fra sceneggiatura originale e non originale.

Continua a leggere

Oscar 2015 per il miglior film

Oscar migliore film

 Nomination

American Sniper
Birdman or (The Unexpected Virtue of Ignorance)
Boyhood
Selma
The Grand Budapest Hotel
The Imitation Game
The Theory of everything
Whiplash

Lotta aperta per il premio più prestigioso della serata, fra film di buona o ottima fattura, che hanno segnato quella che complessivamente è stata una buona annata cinematografica.

Continua a leggere

Oscar 2015 per il migliore attore protagonista

Migliore attore protagonista

Nomination

 Steve CarellFoxcatcher
Bradley CooperAmerican Sniper
Benedict CumberbatchThe Imitation Game
Michael KeatonBirdman or (The Unexpected Virtue of Ignorance)
Eddie RedmayneThe Theory of Everything

Una delle categorie più combattute di quest’edizione degli Academy Awards vede in lizza per il premio cinque grandi attori, nel ruolo di quattro personaggi realmente esistiti e di uno fittizio: Michael Keaton interpreta l’immaginario attore Riggan Thomson in Birdman, mentre il miglior cecchino della storia degli USA è impersonato da Bradley Cooper in American Sniper, il celebre fisico Stephen Hawking alle prese con una malattia degenerativa è incarnato da Eddie Redmayne in The Theory of Everything, l’inquietante miliardario John du Pont è interpretato da Steve Carell in Foxcatcher e il grande matematico Alan Turing è impersonato da Benedict Cumberbatch in The Imitation Game.
Continua a leggere

Oscar 2015 per il miglior sonoro e per il miglior montaggio sonoro

Miglior Sonoro

Nomination per il miglior sonoro

John Reitz, Gregg Rudloff e Walt Martin American Sniper
Jon Taylor, Frank A. Montaño e Thomas Varga Birdman or (The Unexpected Virtue of Ignorance)
Gary A. Rizzo, Gregg Landaker e Mark Weingarten Interstellar
Jon Taylor, Frank A. Montaño e David Lee Unbroken
Craig Mann, Ben Wilkins e Thomas Curley Whiplash

Miglior montaggio sonoro

Nomination per il miglior montaggio sonoro

 Alan Robert Murray e Bub Asman American Sniper
Martin Hernández e Aaron Glascock Birdman or (The Unexpected Virtue of Ignorance)
Brent Burge e Jason Canovas The Hobbit: The Battle of the Five Armies
Richard King Interstellar
Becky Sullivan e Andrew DeCristofaro Unbroken

Due categorie strettamente correlate fra loro, visto che la statuetta è andata allo stesso film 7 volte su 14 dal 2000 in poi e 4 volte negli ultimi 5 anni, che serviranno molto probabilmente per premiare pellicole che altrimenti rimarrebbero a bocca asciutta. Ben 4 film su 5 sono nominati per entrambe le categorie, con l’eccezione di Whiplash e The Hobbit: The Battle of the Five Armies che si avvicendano rispettivamente per il miglior sonoro e il miglior montaggio sonoro.
Continua a leggere

Oscar 2015 per il miglior montaggio

Miglior montaggio

 Nomination

 Joel Cox e Gary D. RoachAmerican Sniper
Sandra AdairBoyhood
Barney PillingThe Grand Budapest Hotel
William GoldenbergThe Imitation Game
Tom CrossWhiplash

I film candidati per la categoria miglior montaggio sono tutti in lizza anche per il premio più ambito, quello del miglior film, aspetto che rende la contesa molto incerta.

Tutti i 5 film in nomination basano una considerevole della loro riuscita su un montaggio azzeccato, da quello più serrato di alcune scene in American Sniper e Whiplash a quello dai ritmi più compassati di The Grand Budapest Hotel e The Imitation Game, passando per quello di Boyhood, che ha dovuto amalgamare al meglio materiale distribuito su un arco temporale di ben 12 anni.
Stupisce l’assenza fra i nominati di Birdman, in cui è stato utilizzato un montaggio di altissima precisione, per dare l’impressione di assistere a un unico piano sequenza.
Continua a leggere