Midnight Cowboy – Un uomo da marciapiede (1969)

Un uomo da marciapiede - Nuovo Cinema LebowskiTitolo originale: Midnight Cowboy
Paese di Produzione: USA
Anno di uscita: 1969
Durata: 113′
Regia: John Schlesinger
Sceneggiatura: Waldo Salt
Musiche: John Barry
Interpreti: Jon Voight, Dustin Hoffman, Brenda Vaccaro, Sylvia Miles, Barnard Hughes, Bob Balaban, John McGiver, Ruth White, Jennifer Salt, Gilman Rankin
Midnight Cowboy (1969) on IMDb

 

 

Un uomo da marciapiede - Nuovo Cinema Lebowski 5
“Sto camminando qui! Sto camminando qui!”

Nel 1969, in piena guerra del Vietnam, arriva nei cinema di tutto il mondo Midnight Cowboy un film basato sull’omonimo romanzo di James Leo Herlihy che critica duramente la contraddittoria società statunitense e smonta alla radice il mito del cosiddetto “sogno americano”, mostrando una New York malsana e poco accogliente che, al contrario di svariate pellicole degli anni precedenti, non diventa il teatro della realizzazione dei desideri dei protagonisti. Il regista John Schlesinger racconta con disincanto e forte pessimismo il particolare rapporto di due uomini emarginati dalla società, nato per reciproco interesse allo scopo di scalare la piramide sociale e trasformatosi poi in una sincera amicizia. I due protagonisti e mattatori della pellicola sono un giovanissimo Jon Voight (al primo ruolo importante della propria carriera) e un superlativo Dustin Hoffman, già sulla cresta dell’onda per Il Laureato, qui alle prese con un ruolo sostanzialmente opposto e che non ha nulla da spartire con quello del ragazzo inesperto e sprovveduto interpretato nel film di Mike Nichols; per la loro prova in Un uomo da marciapiede i due guadagnarono due meritate nomination agli Oscar del 1970 come migliori attori protagonisti, ma non riuscirono a conquistare la statuetta, cosa che invece riuscì alla pellicola, che portò a casa i premi come miglior film, migliore regia e migliore sceneggiatura non originale.
Continua a leggere

Straw Dogs – Cane di paglia (1971)

canedipaglia

Titolo originale: Straw Dogs
Paese di ProduzioneUSA
Anno di uscita1971
Durata: 118′
RegiaSam Peckinpah
Sceneggiatura: Sam Peckinpah, David Zelag Goldman
MusicheJerry Fielding
InterpretiDustin Hoffman, Susan George, Peter Vaughan, David Warner, T.P. McKenna, Jim Norton, Del Henney
Straw Dogs (1971) on IMDb

 

 

 

 

“Quando la gente impreca contro il mio modo di trattare la violenza, in pratica dice: «Non mostratemela, non voglio sapere, e prendetemi un’altra birra dal frigorifero…». Credo che sia sbagliato, e pericoloso, rifiutare di riconoscere la natura animale dell’uomo”
Sam Peckinpah

Nello stesso 1971 in cui Kubrick sconvolge il mondo con il suo Arancia Meccanica, Sam Peckinpah produce con Straw Dogs un’opera di diversa dimensione narrativa e cinematografica, ma altrettanto sconcertante e traumatica per l’opinione pubblica.
Cane di paglia rappresenta una rara escursione thriller di un regista che ha legato indissolubilmente la sua carriera al genere western, ma pur cambiando genere Peckinpah prosegue nel solco tracciato da tutte le sue opere: realismo, misoginia e soprattutto violenza e brutalità, trattate non come anomalie passeggere ma come aspetti fortemente radicati nella natura e nell’animo umano.
Continua a leggere

The Graduate – Il Laureato (1967)

the graduate

Titolo originale: The Graduate
Paese di ProduzioneUSA
Anno di uscita1967
Durata105′
RegiaMike Nichols
Sceneggiatura: Buck Henry, Calder Willingham
MusichePaul Simon, Dave Grusin
InterpretiDustin Hoffman, Anne Bancroft, Katharine Ross, Brian Avery, Murray Hamilton, Marion Lorne, Elizabeth Wilson, William Daniels

The Graduate (1967) on IMDb

 

 

Uscito formalmente negli ultimi giorni del 1967, The Graduate è in realtà una pellicola che incarna perfettamente lo spirito dell’anno successivo, quel famoso Sessantotto pieno di ribellione, che scosse profondamente la moralità popolare e la fiducia nei governi mondiali.
L’avventura sessuale fra un ragazzo e una donna più matura al giorno d’oggi scandalizza molto meno, ma all’epoca fu un profondo squarcio nella morale comune, proiettando questo film nell’immaginario collettivo e lanciando definitivamente la carriera del giovane Dustin Hoffman, clamorosamente privato dell’Oscar come migliore attore protagonista per quell’annata cinematografica.
Continua a leggere