La decima vittima (1965)

decima

Titolo originaleLa decima vittima
Paese di ProduzioneItalia, Francia
Anno di uscita1965
Durata: 90′
RegiaElio Petri
Sceneggiatura: Tonino Guerra, Ennio Flaiano, Elio Petri, Giorgio Salvioni
MusichePiero Piccioni
InterpretiMarcello Mastroianni, Ursula Andress, Elsa Martinelli, Salvo Randone, Massimo Serato
The 10th Victim (1965) on IMDb

 
Uno dei migliori film di fantascienza italiani di sempre, ambientato in un mondo distopico non del tutto inedito ma ancora originale per l’epoca, con un’idea di base, quello della caccia fra uomini, che a distanza di cinquant’anni viene ancora ampiamente usato nel cinema moderno, ad esempio nelle serie di The Hunger Games, The Purge o nel meno recente (ma più valido) Battle Royale.

La decima vittima è frutto della collaborazione fra alcuni giganti nei rispettivi campi, Elio Petri alla regia, Tonino Guerra e Ennio Flaiano alla sceneggiatura e Marcello Mastroianni nella recitazione, affiancato dalla bellezza devastante di Ursula Andress.

Continua a leggere

L’Uomo Puma (1980)

L'uomo puma di Alberto De Martino

Titolo originaleL’Uomo Puma
Paese di Produzione: Italia
Anno di uscita1980
Durata96′
RegiaAlberto De Martino
Sceneggiatura: Luigi Angelo, Massimo De Rita
MusicheRenato Serio
InterpretiWalter George Alton, Miguel Angel Fuentes, Donald Pleasence, Sydne Rome, Silvano Tranquilli
The Pumaman (1980) on IMDb

 

 

Italia, 1979.

Alberto De Martino, regista di film di genere con una buona carriera alle spalle, ripone sulla scrivania il libro che stava leggendo, Gli extraterrestri hanno inventato l’uomo? di Erich von Däniken. Non è il primo libro di questo scrittore che legge.
«Questa è proprio roba forte. Un giorno magari ci farò un film.», pensa.
Ma ora è tempo di andare. I cinema di tutt’Italia sono invasi dal nuovo film di Richard Donner, Superman. In Italia non si parla d’altro, tutti a sognare il costume con la S davanti e a imitare il gesto del volo di Christhopher Reeve.
De Martino per motivi di cultura professionale vuole vedere il film, ma gli americani fondamentalmente gli stanno proprio sui coglioni.
Continua a leggere