Revenge of the Sith – La vendetta dei Sith (2005)

La vendetta dei Sith - Nuovo Cinema LebowskiTitolo originale: Star Wars: Episode III – Revenge of the Sith
Paese di Produzione: USA
Anno di uscita: 2005
Durata: 140′
Regia: George Lucas
Sceneggiatura: George Lucas
Musiche: John Williams
Interpreti: Hayden Christensen, Natalie Portman, Ewan McGregor, Christopher Lee, Ian McDiarmid, Peter Mayhew, Samuel L. Jackson, James Earl Jones, Joel Edgerton, Frank Oz, Kenny BakerAnthony DanielsSilas Carson
Star Wars: Episode III - Revenge of the Sith (2005) on IMDb

La vendetta dei Sith - Nuovo Cinema Lebowski 2
“È così che muore la libertà: sotto scroscianti applausi.

Dopo critiche, delusioni e polemiche la trilogia prequel di Star Wars, fortemente voluta da George Lucas, arriva alla sua conclusione, allacciandosi degnamente ai primi tre episodi della saga e raccontando la tanto attesa conversione del Jedi Anakin Skywalker nel malvagio Darth Vader. Non un film perfetto, ma un film più che dignitoso, con il valore aggiunto di una parte finale in cui finalmente si ingrana la quarta, toccando vertici di cupezza e mestizia mai raggiunti prima nella serie. Vengono confermati i personaggi principali de L’attacco dei cloni, mentre c’è il graditissimo ritorno di Peter Mayhew nei panni del mitico Chewbecca, in una piccola ma importante comparsata. L’unico grande assente fra i personaggi che hanno fatto la storia di questa saga è Han Solo, inspiegabilmente mai mostrato né citato nel corso di questi ultimi tre film. Nonostante lo zoccolo duro dei fan non sia mai stato tenero nei confronti di questa seconda trilogia, La vendetta dei Sith è generalmente considerato il migliore di questi ultimi tre film e tenuto in considerazione positiva da critica e pubblico; ha inoltre avuto un ottimo riscontro al botteghino, con circa 850 milioni di dollari incassati in tutto il mondo. Fra pochi giorni, questo non sarà più l’ultimo lungometraggio della saga ufficiale: per la gioia dei fan, è infatti in arrivo Star Wars: The Force Awakens, che debutterà in Italia il prossimo 16 dicembre.

Nel proseguimento della recensione, soprattutto nel finale, si riveleranno parti importanti e significative della trama. Si sconsiglia pertanto la lettura a chi non ha ancora visto il film.
Continua a leggere

Attack of the Clones – L’attacco dei cloni (2002)

L'attacco dei cloni - Nuovo Cinema LebowskiTitolo originale: Star Wars: Episode II – Attack of the Clones
Paese di Produzione: USA
Anno di uscita: 2002
Durata: 142′
Regia: George Lucas
Sceneggiatura: George Lucas, Jonathan Hales
Musiche: John Williams
Interpreti: Hayden Christensen, Natalie Portman, Ewan McGregor, Christopher Lee, Ian McDiarmid, Pernilla August, Samuel L. Jackson, Oliver Ford Davies, Joel Edgerton,  Frank Oz, Kenny Baker
Star Wars: Episode II - Attack of the Clones (2002) on IMDb

L'attacco dei cloni - Nuovo Cinema Lebowski 4
«Ci sono certe cose che nessuno può aggiustare. Non sei onnipotente, Ani.»
«Beh, devo diventarlo. E un giorno lo diventerò. Diventerò il Jedi più potente di tutti i tempi. Te lo garantisco. Imparerò anche a impedire che la gente muoia.»

Dopo la grande delusione de La minaccia fantasma, George Lucas corregge il tiro con L’attacco dei cloni, che, pur lontano dai fasti della trilogia classica e non privo di difetti, si dimostra un buon capitolo di transizione verso La vendetta dei Sith. Il deleterio Jar Jar Binks viene ridimensionato a poco più di una comparsa, mentre vengono inseriti due nuovi personaggi come Jango Fett (insieme al più celebre figlio Boba) e il Conte Dooku (interpretato dalla leggenda Christopher Lee), nuovo apprendista di Darth Sidious. La variazione più importante e discussa rispetto al precedente capitolo è però sicuramente il nuovo interprete di un Anakin Skywalker ormai adulto, ovvero Hayden Christensen. L’attore canadese ha ricevuto forti critiche in tutto il mondo (più un Razzie Award per il peggiore attore protagonista) per la sua scarsa espressività e per non aver caratterizzato a dovere un personaggio così importante come quello del giovane Darth Vader. Personalmente trovo queste accuse un po’ eccessive e causate anche dalla contemporanea presenza al suo fianco di attori più carismatici e conosciuti, come Ewan McGregorSamuel L. JacksonNatalie Portman e il già citato Christopher Lee. Continua a leggere