Hot Tub Time Machine – Un tuffo nel passato (2010)

Un tuffo nel passato - Nuovo Cinema LebowskiTitolo originale: Hot Tub Time Machine
Paese di Produzione: USA
Anno di uscita: 2010
Durata: 101′
Regia: Steve Pink
Sceneggiatura: Bob Ziembicki
Musiche: Christophe Beck
Interpreti: John Cusack, Rob Corddry, Craig Robinson, Clark Duke, Lyndsy Fonseca, Chevy Chase, Sebastian Stan, Crispin Glover, Charlie McDermott, Lizzy Caplan, Collette Wolfe, Crystal Lowe, Jessica Paré, William Zabka
Hot Tub Time Machine (2010) on IMDb

 

Un tuffo nel passato - Nuovo Cinema Lebowski 2
“Guarda che razza di posto, so già come andrà a finire: uno di noi inizierà a scrivere un racconto, poi verremo tutti bloccati dalla neve e poi Lou ci ammazzerà tutti con un’ascia.”

Può un film che si basa quasi esclusivamente su gag di una volgarità che oltrepassa ogni limite e su quattro uomini che tornano indietro nel tempo a causa di una vasca idromassaggio difettosa risultare godibile e divertente ancora adesso nonostante il diluvio di commedie demenziali uscite negli ultimi anni? La risposta è sì. Pur con i suoi evidenti difetti, Un tuffo nel passato riesce a intrattenere e a elevarsi rispetto allo standard qualitativo delle commedie americane odierne, grazie soprattutto a un marcato citazionismo che richiama una miriade di pellicole di culto degli anni ’80 e a un cast di grande talento comico, che comprende John Cusack (Alta fedeltàEssere John Malkovich, Identità), Clark Duke (Kick-AssSuxbad – Tre menti sopra il pelo), Craig Robinson (Molto incinta, Facciamola finitaZack and Miri Make a Porno) e il vero e proprio mattatore della pellicola, quel Rob Corddry già visto in Lo spaccacuoriNotte brava a Las Vegas che a ogni suo ingresso in scena illumina la pellicola con una serie di esilaranti gag al limite dell’osceno. Da segnalare inoltre la presenza in un piccolo ruolo di Chevy Chase, protagonista del Saturday Night Live e di commedie degli anni ’80 come National Lampoon’s Vacation, tornato alla ribalta recentemente con la partecipazione alla serie televisiva Community.
Un tuffo nel passato ha riscosso un discreto successo di pubblico in tutto il mondo, portando produzione e cast (con l’eccezione di John Cusack) a decidere di creare un seguito, che è uscito nel 2015 ma non ha avuto altrettanta fortuna.
Continua a leggere

Stand by Me – Ricordo di un’estate (1986)

Stand by me - Nuovo Cinema LebowskiTitolo originale: Stand by Me
Paese di Produzione: USA
Anno di uscita: 1986
Durata: 89′
Regia: Rob Reiner
Sceneggiatura: Raynold Gideon, Bruce A. Evans
Musiche: Jack Nitzsche
Interpreti: Wil Wheaton, River Phoenix, Kiefer Sutherland, Corey Feldman, Jerry O’Connell, Richard Dreyfuss, John Cusack, Gary Riley, Casey Siemaszko, Bradley Gregg
Stand by Me (1986) on IMDb

 

Stand by me - Nuovo Cinema Lebowski 4 “Non ho mai più avuto amici come quelli che avevo a 12 anni. Gesù, ma chi li ha?”

Ci sono film che a prescindere dallo scorrere del tempo continueranno sempre a emozionarci e commuoverci, perchè più che una semplice storia raccontano una parte di noi ed esprimono i nostri sentimenti e le nostre sensazioni meglio di come potrebbero fare fiumi di parole, perchè, citando Il corpo, splendido racconto di Stephen King da cui è stata tratta questa pellicola, le cose più importanti sono le più difficili da dire. Sono quelle di cui ci si vergogna, poiché le parole le immiseriscono – le parole rimpiccioliscono cose che finché erano nella vostra testa sembravano sconfinate, e le riducono a non più che a grandezza naturale quando vengono portate fuori. Ma è più che questo, vero? Le cose più importanti giacciono troppo vicine al punto dov’è sepolto il vostro cuore segreto, come segnali lasciati per ritrovare un tesoro che i vostri nemici sarebbero felicissimi di portare via. E potreste fare rivelazioni che vi costano per poi scoprire che la gente vi guarda strano, senza capire affatto quello che avete detto, senza capire perché vi sembrava tanto importante da piangere quasi mentre lo dicevate. Questa è la cosa peggiore, secondo me. Quando il segreto rimane chiuso dentro non per mancanza di uno che lo racconti ma per mancanza di un orecchio che sappia ascoltare.

Stand by Me ha segnato indelebilmente i nati negli anni 70 e 80 con un racconto amaro e malinconico dell’ultima avventura di quattro amici dodicenni che stanno per separarsi a causa del passaggio alle scuole superiori; è diretto dall’immenso Rob Reiner, che in seguito dirigerà altri film entrati nell’immaginario collettivo come Harry ti presento SallyCodice d’onore, La storia fantastica, e Misery non deve morire (anch’esso tratto da un’opera di Stephen King), mentre il cast è composto da attori che successivamente hanno avuto un’ottima carriera, come Kiefer Sutherland (24, Dark City, Melancholia), Will Wheaton (Star Trek: The Next Generation), Corey Feldman (Ragazzi perduti e precedentemente I Goonies), Jerry O’Connell (Il mio amico UltramanJerry Maguire) e soprattutto il compianto River Phoenix (fratello di Joaquin), morto per overdose nel 1993 a soli ventitrè anni, quando era all’apice del successo per film come Vivere in fugaIndiana Jones e l’ultima crociataBelli e dannati.

Nel proseguimento della recensione, soprattutto nel finale, si riveleranno parti importanti e significative della trama. Si sconsiglia pertanto la lettura a chi non ha ancora visto il film.
Continua a leggere

Maps to the Stars (2014)

Maps to the stars

Titolo originaleMaps to the Stars
Paese di ProduzioneCanada, USA, Germania, Francia
Anno di uscita2014
Durata111′
RegiaDavid Cronenberg
SceneggiaturaBruce Wagner
Musiche: Howard Shore
InterpretiJulianne Moore, Mia Wasikowska, Robert Pattinson, John Cusack, Evan Bird, Sarah Gadon, Olivia Williams, Carrie FisherDawn Greenhalgh
Maps to the Stars (2014) on IMDb

 

 

maps to the stars 2

Maps to the Stars
è l’ultimo film di David Cronenberg, che ha diviso critica e pubblico dei festival e dell’ultima stagione cinematografica, interpretato dalla sempre strepitosa Julianne Moore, che per questo ruolo ha vinto il Prix d’interprétation féminine a Cannes ed è stata nominata per un Golden Globe, poi conquistato (insieme a svariati altri premi) per la sua prova in Still Alice; insieme a lei nel cast figurano Mia WasikowskaJohn Cusack, Evan Bird, Olivia Williams e Robert Pattinson, che aveva già lavorato con il regista canadese nel precedente Cosmopolis.

Il film è ambientato in una Hollywood corrotta e torbida, popolata da personaggi putridi, che nascondono diversi scheletri nell’armadio e sono disposti alle azioni più immorali pur di raggiungere o mantenere la propria popolarità.
Continua a leggere