The Dark Knight Rises – Il cavaliere oscuro – Il ritorno (2012)

Il cavaliere oscuro - Il ritorno - The Dark Knight Rises - Christopher NolanTitolo originale: The Dark Knight Rises
Paese di Produzione: USA, Regno Unito
Anno di uscita: 2012
Durata: 164′
Regia: Christopher Nolan
Sceneggiatura: Christopher Nolan, Jonathan Nolan
Musiche: Hans Zimmer
Interpreti: Christian Bale, Tom Hardy, Michael Caine, Anne Hathaway, Gary Oldman, Morgan Freeman, Cillian Murphy, Marion Cotillard, Joseph Gordon-Levitt, Nestor Carbonell, Matthew Modine
The Dark Knight Rises (2012) on IMDb

 

Il cavaliere oscuro - Il ritorno - Chiunque può essere un eroe, anche un uomo che fa una cosa semplice e rassicurante come mettere un cappotto sulle spalle di un bambino per fargli capire che il mondo non è finito.
“Chiunque può essere un eroe, anche un uomo che fa una cosa semplice e rassicurante come mettere un cappotto sulle spalle di un bambino per fargli capire che il mondo non è finito.”
Continua a leggere

The Dark Knight – Il cavaliere oscuro (2008)

La locandina di The Dark Knight - Il cavaliere oscuroTitolo originale: The Dark Knight
Paese di ProduzioneUSA, Regno Unito
Anno di uscita2008
Durata152′
RegiaChristopher Nolan
SceneggiaturaChristopher NolanJonathan Nolan
MusicheHans ZimmerJames Newton Howard
Interpreti: Christian Bale, Heath Ledger, Michael Caine, Maggie Gyllenhaal, Gary Oldman, Morgan Freeman, Cillian Murphy, Aaron Eckhart, Monique Gabriela Curnen, Nestor Carbonell, Eric Roberts, Anthony Michael Hall, Ron Dean
The Dark Knight (2008) on IMDb

The Dark Knight - Il cavaliere oscuro - certi uomini non cercano qualcosa di logico, come i soldi. Non si possono né comprare, né dominare. Non ci si ragiona, né ci si tratta. Certi uomini vogliono solo veder bruciare il mondo.
“Certi uomini non cercano qualcosa di logico, come i soldi. Non si possono né comprare, né dominare. Non ci si ragiona, né ci si tratta. Certi uomini vogliono solo veder bruciare il mondo.”

Se con Batman Begins Christopher Nolan aveva rivoluzionato il modo di approcciare i cinecomic e più in generale i blockbuster, con questo The Dark Knight il regista britannico riesce nell’impresa di superare letteralmente se stesso, portando su schermo una storia cupa e tragica, non limitandosi alla spettacolarizzazione delle avventure di personaggi già noti al grande pubblico, ma addentrandosi nei meandri più profondi della mente umana, portando lo spettatore a guardare dritto negli occhi la follia e il male puro. I meriti della riuscita di quest’operazione coraggiosa e pressoché inedita per un film mainstream vanno divisi fra tutte le parti in causa, ma va anche detto chiaramente e senza alcuna incertezza che The Dark Knight non avrebbe potuto avere la stessa dirompente forza senza la stratosferica prova di Heath Ledger. Nei panni della nemesi più conosciuta e apprezzata di Batman, ovvero il Joker, l’attore australiano è riuscito a consegnare alla storia del cinema una prova indimenticabile e senza tempo, che si pone di diritto fra le migliori mai viste sul grande schermo per quanto riguarda i villain, oscura pesantemente quanto fatto anni prima nello stesso ruolo da un gigante come Jack Nicholson e si configura come il testamento cinematografico di un interprete meraviglioso, morto pochi giorni dopo la fine delle riprese di questo film a soli 28 anni e in circostanze mai chiarite del tutto, e da allora indelebile nella mente e nel cuore dei cinefili di tutto il mondo. Il duello fisico, psicologico e ideologico fra il Joker di Heath Ledger e il Batman di Christian Bale si pone ai vertici degli scontri cinematografici visti sul grande schermo negli ultimi anni e nobilita un film che può contare anche sui nuovi innesti di Aaron Eckhart nella parte di Harvey Dent e di Maggie Gyllenhaal, che rimpiazza la deludente Katie Holmes di Batman Begins. Confermatissimi invece i vari Michael Caine, Morgan Freeman e Gary Oldman, che riprendono i loro ruoli di supporto al cavaliere oscuro accompagnandolo in questa epica ed eroica parabola umana.

Continua a leggere

Batman Begins (2005)

Batman Begins, il primo capitolo della trilogia di Christopher Nolan sul Cavaliere OscuroTitolo originale: Batman Begins
Paese di ProduzioneUSA, Regno Unito
Anno di uscita2005
Durata: 140′
Regia: Christopher Nolan
Sceneggiatura: Christopher NolanDavid S. Goyer
Musiche: Hans Zimmer, James Newton Howard
Interpreti: Christian Bale, Michael Caine, Liam Neeson, Katie Holmes, Gary Oldman, Morgan Freeman, Cillian Murphy, Rutger Hauer, Tom Wilkinson, Ken Watanabe, Linus RoacheBatman Begins (2005) on IMDb
Batman Begins - Sai perché cadiamo, Bruce? Per imparare a rimetterci in piedi.
“Sai perché cadiamo, Bruce? Per imparare a rimetterci in piedi.”

Continua a leggere

Ted 2 (2015)

Ted 2 - Nuovo Cinema LebowskiTitolo originaleTed 2
Paese di Produzione: USA
Anno di uscita: 2015
Durata: 115′
Regia: Seth MacFarlane
Sceneggiatura: Seth MacFarlane, Wellesley Wild, Alec Sulkin
Musiche: Walter Murphy
Interpreti: Seth MacFarlane,
Mark Wahlberg, Amanda Seyfried, Giovanni Ribisi, Richard Schiff, Jessica Barth, Morgan Freeman, Michael Dorn, Bill Smitrovich, Sam J. Jones, Tom Brady, Liam Neeson, Jay Leno, John Slattery, John Carroll Lynch

Ted 2 (2015) on IMDb

Ted 2 - Nuovo Cinema Lebowski 2“Adesso tocca a me testimoniare, stronzi!”

Ted 2 è il seguito del fortunato Ted, che vede il ritorno del creatore de I Griffin Seth MacFarlane alla regia e come voce del simpatico orsetto, affiancato nuovamente da Mark Wahlberg. Per via della sua prima gravidanza, Mila Kunis non ha potuto prendere parte al progetto, venendo rimpiazzata nella parte di una nuova protagonista femminile da Amanda Seyfried, che aveva già lavorato con MacFarlane nel suo precedente film Un milione di modi per morire nel West, poco apprezzato sia dal pubblico che dalla critica. Come nel primo film, sono presenti svariate celebrità, fra cui Morgan Freeman, Liam Neeson, Tom Brady e Jay Leno, in piccole parti o camei, che insieme al marcato citazionismo e alla vena fortemente dissacrante rappresentano le caratteristiche fondamentali di quella che negli anni a venire potrebbe diventare una vera e propria saga, grazie anche al successo di questo secondo episodio, che, pur non raggiungendo le vette comiche del primo capitolo, è sicuramente un seguito riuscito, che riesce a percorrere la strada già tracciata svariando su più generi e cercando perfino di fare riflettere su temi universali come i diritti umani, tentativo davvero lodevole e apprezzabile per una pellicola che rientra nel genere della commedia demenziale.
Continua a leggere